ACCETTA E CHIUDI

Usando questo servizio e i contenuti correlati, accetti l'utilizzo dei cookie per scopo di analisi e per fornire contenuti e annunci personalizzati
Maggiori dettagli consultando l'informativa estesa.

Comunicati stampa

22/06/2016

AUTORIZZAZIONI, AIO: REQUISITI IMPOSTI DA REGIONI CI RIPORTANO INDIETRO DI ANNI E SONO A RISCHIO ANNULLAMENTO


 


«Delle due l’una: o lintesa raggiunta nei giorni scorsi in Conferenza  Stato-Regioni per definire i requisiti minimi per l’autorizzazione  all’apertura ed all’esercizio delle strutture odontoiatriche non vale  per gli studi odontoiatrici privati, o o probabilmente cadrà sotto la scure del sindacato giurisdizionale, con oneri economici e degni di ben altra causa». Parla Stefano Colasanto segretario Associazione Italiana  Odontoiatri di Roma, tra i principali artefici, insieme al Presidente Giovanni Migliano, della normativa che nel  Lazio dopo anni di carte bollate e procedimenti giudiziari verso i dentisti disciplina la materia in modo da sollevare i professionisti  da indebiti adempimenti. O meglio, sollevava, perché le intese nelle  singole Regioni stanno per essere cancellate da nuova burocrazia  unificata a livello nazionale. «Ideate –così pare- per rendere più  uniformi le norme regionali, le nuove regole richiedono complessi  requisiti strutturali generali, impiantistici ed organizzativi per lo  studio odontoiatrico e non per quello medico, e questa è la prima  singolarità. Requisiti che regione per regione la faticosa trattativa  dei sindacati con gli assessori stava per eliminare, nel segno della  semplificazione perseguita da questo governo», spiega Colasanto.


Dopo l'intesa siglata in Conferenza Stato-Regioni il 9 giugno scorso, accanto ai requisiti anzidetti, molto dettagliati, per ottenere dalla  Regione la possibilità di continuare ad esercitare, l’odontoiatra - non si capisce se in qualunque caso o se in fase propedeutica all'accreditamento–  dovrebbe di nuovo produrre un faldone di dodici documenti tra cui:  dichiarazione del titolare dello studio, planimetria scala 1:100,  documento attestante il possesso dell’immobile, certificato di  agibilità rilasciato dal Comune, relazione conformità messa a terra,  piano di sicurezza per tipologia di struttura ed anche il certificato  antimafia per le società. Colasanto non è del tutto convinto che la  normativa sia applicabile. «In realtà il lavoro delle regioni com’è  chiaramente scritto nelle premesse dell’atto mirava a definire i  requisiti minimi per l’esercizio dell’attività odontoiatrica, non per  l'autorizzazione all'esercizio. Già, perché una cosa è l’idoneità di uno studio privato di un professionista odontoiatra a produrre  prestazioni odontoiatriche e un’altra è l’autorizzazione degli studi.  Quest’ultima per la quale si fa esplicito riferimento agli articoli 8  bis e 8 ter della legge 502 Bindi, attiene  solo a strutture dove si fa chirurgia ambulatoriale o diagnostica  invasiva, cioè attività “a rischio” per il paziente. Attività quale  appunto non è quella dell’Odontoiatra, come ormai riconosciuto da varie sentenze TAR . Si continua purtroppo a dimenticare che l'autorizzazione è obbligatoria solo per ambulatori ed è un primo passo verso l'accreditamento con il  Servizio sanitario pubblico».  


Ci sono poi errori formali. «Almeno due, gravi. Il primo sta nella  volontà di stravolgere con un atto a partenza regionale una legge nazionale, la Bindi, che esenta le strutture odontoiatriche private dagli obblighi autorizzativi, il che è oltre le competenze della Conferenza Stato-Regioni.  Il secondo sta nella richiesta di una serie di documenti già in possesso della P.A., che quindi non possono essere richiesti di nuovo, oltretutto andando contro l'attuale criterio di cercare una maggiore semplificazione per aiutare le PMI. Infine suona ben strano che siano colpiti solo gli odontoiatri e mai i medici».


Associazione Italiana Odontoiatri fin dal 2011 ha chiesto al Ministero  della Salute di entrare a far parte del tavolo dell’Intesa e di dare  un suo parere perché non si facessero pasticci e non si vincolasse la  professione burocraticamente (allegato 1). «La nostra associazione ha lottato in  tutte le regioni per la semplificazione nel vincoli istituzionali del  dentista e per la semplicità del suo rapporto fiduciario con i  pazienti e ha ottenuto importanti vittorie nel senso della deburocratizzazione in Lazio. Nel 2013 AIO nazionale ha chiesto alla  Fnomceo e alla Commissione Albo Odontoiatri (la quale a sua volta aveva rassicurato i professionisti, ndr allegato 2) di poter dire la sua, di poter spiegare i rischi che si correvano a voler riscrivere le regole senza prima leggere i testi, esponendo alla burocrazia solo i dentisti  che si intendevano preservare da chissà quale caos normativo (ora che  il pericolo era passato grazie alle loro associazioni di categoria).  Da ultimo,  lo scorso aprile abbiamo presentato un parere legale (al link: http://www.aio.it/public/uploads/2016/04/1461748447_Autorizzazioni-Regioni.pdf) dove  l'Avvocato Maria Maddalena Giungato, esperto di problematiche sanitarie, ribadiva come non solo alcuni precedenti della giurisprudenza amministrativa nazionale ma anche la stessa legislazione dell’Unione Europea sconsigliassero  un intervento "regolatorio" che  riporterebbe le lancette dell’orologio indietro agli anni Novanta.  Dobbiamo purtroppo constatare che in nessuna fase la professione, nelle  sue componenti associative, è stata interpellata sulla elaborazione del  testo: per contro con strana urgenza è stato velocizzato negli ultime  mesi l’iter di approvazione del documento, “passato” con un blitz.  E  siamo a un documento che sembra apre una serie infinita di aspetti interpretativi che si tradurranno in ulteriori diversi comportamenti nelle varie regioni e confusione per i professionisti e gli organismi  di controllo, sempre che gli esiti del referendum di ottobre non  spazzino via tutto».


«In ogni caso – conclude Colasanto – AIO è pronta  ad agire in tutte le sedi per rappresentare il diritto degli  Odontoiatri italiani a non essere penalizzati rispetto ad altri  professionisti sanitari e rispetto ai loro colleghi stranieri. Perché  non vinca l’Italia dei mille intralci e delle carte inutili su quanto  di buono aveva fatto la professione per avvicinare un po’ di più le  cure ai pazienti».

 


  • Henry Schein
  • Tecnoss
  • Stelf

  • Studio Legale Saraceno
  • Eco Safety
  • Ridolfi
  • Regina Daniele
  • Consulcesi